Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

Eventi

Il paese delle facce gonfie

da  08 gen 2018  a  08 gen 2018

Stagione teatro over sessanta I pomeriggi del lunedì

Teatro Cinema Musica

il paese delle facce gonfie“Era il 10 luglio, una terra senza colpe, bambini nei cortili giocavano nel sole…”. Così ha inizio una canzone (non tra le migliori) di Antonello Venditti, con il pregio tuttavia di voler riportare alla memoria la tragedia di cui la popolazione comasca fu sfiorata: il disastro di Seveso. Improvvisa, come spesso sanno essere le tragedie, rimane nel ricordo dei ragazzi di allora che “prendevano la bicicletta e andavano in giro con gli amici. Un gelato, una fetta d'anguria. E quella sera del 10 luglio, un sabato caldissimo e stranamente ventoso. In giro dicevano che era successo qualcosa. Lo dicevano tutti, in paese e nei bar. Dei bambini che giocavano per strada avevano eruzioni sulla pelle”.
Il 10 luglio 1976 nell'azienda ICMESA ci fu la fuoriuscita una nube di diossina, una sostanza chimica fra le più tossiche e di cui cominciammo a dover tener conto. Il sito americano CBS inserì il disastro tra le 12 peggiori catastrofi ambientali di sempre.
Forse è a causa di tale vicenda che il nostro Paese tra i primi ha saputo prendere le distanze dalle centrali atomiche, cosa che lentamente avviene un po’ ovunque.

Il paese delle facce gonfie è uno spettacolo di Paolo Bignami, drammaturgo comasco che sta raccogliendo i frutti di un intenso lavoro teatrale, parte del quale viene ora inscenato negli Stati Uniti, un autore che tra ironia intelligente e senso civico, sa solleticare il pensiero degli spettatori.

L’autore comasco ci introdurrà nella vicenda anche nelle vesti di attore, con la consueta verve ironica, capace di portare e riportare alla coscienza fatti di portata sicuramente tragica con lievità e acume.

L’iniziativa è parte del progetto Connessioni controcorrente, percorso di rigenerazione culturale urbana firmato Arci Xanadù, ecoinformazioni, TeatroGruppo Popolare e realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo.

Info

dove: Piccola Accademia TeatroGruppo Popolare, via Castellini 7

€ 5 over 60

Alla fine dello spettacolo, tè e biscotti.

Info e prenotazioni 348 3629564 o info@teatrogruppopopolare.it

Maggiori informazioni

Orari

Ore 15.00

indietro