Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

Eventi

Le strade secondarie

da  14 lug 2018  a  05 ago 2018

Mostra collettiva di Elena Bordoli, Cassandra Eustace e Roseanne Lynch

Mostra Inaugurazione

365-logo_viola-exp (2) 

 

su legno2

La mostra d’arte contemporanea “Le strade secondarie”, curata da Laura Fattorini, presenta i lavori di Elena Bordoli, Cassandra Eustace e Roseanne Lynch.

Le tre artiste, attingendo dalla storia dell’arte, dal Razionalismo e dal Bauhaus, dopo un primo incontro avvenuto a Cork (Irlanda) inventano nuove immagini intrecciandosi tra loro in un dialogo a distanza. Le opere sono il risultato di una sperimentazione artistica che passa attraverso la loro dimensione più intima e personale.

“Le strade secondarie” - secondo la curatrice Laura Fattorini - non è conoscere, ma è sentire che ciò che abbiamo dentro ha smesso di ignorarci. È un camminare per sottrarsi all’anonimo e per riempire di significati le cose senza aver fini da raggiungere.

Il filosofo Robert M. Pirsig, nel libro “Lo zen e l’arte della manutenzione della motocicletta”, racconta di un viaggio intrapreso su strada insieme al figlio. Guidando la sua motocicletta, il panorama intorno a lui e i vari accadimenti gli permisero di sgomberare la mente e quindi di riflettere su altro. Il romanzo diviene così la cronaca di un cammino interiore, di un percorso iniziatico a tappe dove, di tanto in tanto, potersi ritrovare. Secondo l’autore, inoltre, era percorrendo le strade secondarie che realmente gli fu possibile sospendere ogni giudizio e lasciare che a ispirarlo fosse solo la verità. Perché le strade secondarie sono diverse da quelle principali; è sulle strade secondarie che “ci preoccupiamo più di come passiamo il tempo che non di quanto ne impieghiamo per arrivare: l’approccio cambia completamente”.

Accompagnati solo dal percorso, tra paesaggi interiori e ritratti di mondo, la meta diviene un punto indefinito all’orizzonte. Al contrario però, fondamentale importanza acquisisce l’attimo presente, quello stare in un tempo che smette di scorrere. In una metafora, l’impressione di vivere qui e ora e che nient’altro stia esistendo descrive un aspetto molto preciso del lavoro dell’artista: il prima e il dopo sono scanditi solo dalla gestualità, dall'evento e dall’immaginazione. Ed è proprio a partire da questi momenti di puro abbandono alla bellezza che le artiste Elena Bordoli, Cassandra Eustace e Roseanne Lynch raccolgono il proprio vissuto, attraversano lentamente la loro dimensione più personale ed esprimono l’analisi di se stesse realizzando opere d’arte.

La mostra è un progetto di Caravan SetUp. È realizzata in collaborazione con il Comune di Como, Assessorato alla Cultura. 

Info

dove: S. Pietro in Atrio, Via Odescalchi

Inaugurazione sabato 14 luglio ore 19.00

ingresso libero

Orari

tutti i giorni dalle 12.00 alle 20.00



indietro