Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

Eventi

People Powder

da  19 lug 2018  a  09 set 2018

Esposizione delle opere di Christina Mackie

Mostra

thumbnail_a3 christina mackieLa personale di Christina Mackie, People Powder, prende spunto da Yellow Machine, uno dei tre elementi che componevano la personale dell’artista, tenutasi alla Tate Gallery di Londra nel 2015.

Riproposta a San Francesco, Yellow Machine risponde all’architettura austera della chiesa romanica, con un’esplosione di colore e con la sua complessa struttura verticale, disegnata a sostenere leggeri imbuti di garza. Solida ma apparentemente precaria - la grande opera appare ancorata alla colonna solo da una cinghia di sostegno arancione - la scultura suggerisce una misteriosa e certo ‘nubile’ funzione di macchina di filtraggio.

Sono appunto i temi del filtraggio, traduzione, riduzione e transazione fra diversi formati e media ad essere al centro del lavoro di Mackie degli anni recenti e a percorrere tutta la mostra a San Francesco. A Yellow Machine si accompagnano infatti quattro animazioni video, Powder People, e una serie di sculture, Plastics Thinking, quale declinazione dell’artista su questi temi e create appositamente per la navata minore, l’abside e la sagrestia della chiesa.

Partendo dalla nozione di “powder people” - il termine usato per definire il passaggio ottimale di grandi masse di individui attraverso strutture pubbliche come metropolitane, piazze o stadi - le animazioni usano una tecnologia altamente sofisticata per dare immagine a processi di incanalamento, pulitura e filtraggio la cui astratta virtualità suggerisce un legame diretto con le tecnologie di controllo dominanti dell’esperienza umana contemporanea. Ad esse si aggiungono, nell’abside e nella sagrestia della chiesa, installazioni compostedi preformati abrasivi e rigranulati plastici, materiali dall’aspetto futuribile frutto della più avanzata ricerca nel campo della pulitura e rifinitura industriale, che l’artista mette in sintonia formale con tavoli e contenitori in plastica d’uso corrente. Mackie suggerisce così, una continuità formale e ideologica tra ricerca futuribile e quotidianità. La chiesa è trasformata non solo in uno spazio espositivo ma anche in un laboratorio in cui le connotazioni implicite ed esplicite dei vari materiali, estrapolati dalla loro funzione, vengono amplificate.

Info

dove:  Spazio Culturale Antonio Ratti, largo Spallino 1 - Como (presso ex chiesa San Francesco) 

Ingresso libero 

t. +39 0313384976
e. info@fondazioneratti.org

Maggiori informazioni

Orari

Inaugurazione: 19.30 - 21.30 

Orari: da mercoledì a domenica dalle 15.30 alle 19.30

indietro