Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

Eventi

Proiezione del film Rashômon di Akira Kurosawa

da  10 nov 2018  a  10 nov 2018

Cineforum in collaborazione con La libreria del cinema

Teatro Cinema Musica

rashomon-1024x576Prosegue la rassegna cinematografica in collaborazione con Cineclub Libreria del Cinema e Oltre Lo Sguardo.
Quest'anno il filo conduttore sarà "Monogatari. Viaggio nel cinema giapponese": il programma prevede una selezione di 6 film, e di 6 registi, rappresentativi della storia di questa cinematografia.
Il taglio dato alla rassegna non è culturale, storico o sociologico: questi aspetti emergeranno naturalmente dalla ricchezza tematica dei film selezionati. L’impostazione scelta non poteva che essere cinematografica, volta a indagare forme e simboli della messinscena. Nella presentazione dei film si alterneranno 6 esperti di cinema, cercando con i loro interventi di traghettare lo spettatore, colmando la distanza.

Programma
13/10/18 – Tarda primavera (1949) di Yasujiro Ozu presentato da Andrea Mariani
10/11/18 – Rashômon (1950) di Akira Kurosawa presentato da Fabrizio Fogliato
15/12/18 – Vita di O-Haru (1952) di Kenji Mizoguchi presentato da Andrea Bettinelli
12/01/19 – Racconto crudele della giovinezza (1960) di Nagisa Oashima presentato da Giulio Sangiorgio
09/02/19 – Dr. Akagi (1998) di Shoei Imamura presentato da Alessandro Leone
16/03/19 – Hana-Bi (1997) di Takeshi Kitano presentato da Alessio Brunialti

Sabato 10 novembre 2018
Rashômon
Regia: Akira Kurosawa
Giappone – 1950
Durata: 88′ – B/n – V. con audio ita
Relatore: Fabrizio Fogliato
Kyoto, periodo Heian. Un boscaiolo, un monaco e un vagabondo si interrogano su una vicenda, l'assassinio di un samurai e lo stupro di sua moglie per mano del bandito Tajômaru, che li ha coinvolti come testimoni. Mentre si susseguono le dichiarazioni dei protagonisti davanti a un tribunale sulla loro versione dei fatti, la verità anziché emergere sembra vieppiù allontanarsi.
In un Giappone ancora dilaniato dai lasciti del dopoguerra, Kurosawa Akira ritorna a un'altra epoca di morte e sofferenza, quel periodo Heian in cui di fronte alla porta del tempio di Rashô non scorrevano che sangue, violenza e frode. Prendendo spunto dai racconti di Ryûnosuke Akutagawa, Kurosawa riflette sulla natura dell'uomo e sulla sua inclinazione alla menzogna, guidata da un esasperato spirito di autoconservazione. A contare non è mai il senso di verità o di giustizia, ma la salvaguardia del proprio tornaconto e di un miserrimo particulare, tale da portare - è il caso del personaggio del samurai - a mentire anche post mortem pur di difendere il proprio onore.

Info

dove: Piccola Accademia TeatroGruppo Popolare, via Castellini 7 - Como

Ingresso con tessera Oltre lo sguardo (5 euro).

Maggiori informazioni

Orari

Ore 21.00

indietro