Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità . Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni consulta la nostra Cookie policy.

Eventi

Socrate il sopravvissuto/Come le foglie

da  21 feb 2019  a  21 feb 2019

Dal libro di Antonio Scurati Il sopravvissuto

Teatro Cinema Musica

socrateSocrate il sopravvissuto/Come le foglie
Dal libro di Antonio Scurati Il sopravvissuto

Con innesti liberamente ispirati a Platone, Cees Nooteboom e Georges I. Gurdjieff.

Attraverso il filtro della filosofia e della tragedia, lo spettacolo affronta il tema dell’educazione, del ruolo della scuola e degli insegnanti nella formazione delle coscienze. Alcune tra le pagine più emblematiche del romanzo di Antonio Scurati Il sopravvissuto si intrecciano ad altre vicende, altre parole, altre dimensioni temporali: gli ultimi momenti di vita di Socrate, attorniato dai suoi discepoli prima della condanna a morte, così come sono raccontati nel Fedone di Platone.

Con Socrate il sopravvissuto Anagoor entra all’interno di una classe, in una scuola come tante. Lo fa inseguendo alcune pagine del romanzo di Antonio Scurati, Il sopravvissuto e assumendo il punto di vista di chi si dispone di fronte ad un gruppo di giovani incaricato della loro educazione. Non un adattamento teatrale del romanzo, ma, come di consueto nelle creazioni di Anagoor, alcune tra le pagine più emblematiche del libro si intrecciano come un fiume carsico ad altre vicende, altre parole, altre dimensioni temporali: in questo caso gli ultimi momenti di vita di Socrate attorniato dai suoi discepoli prima della condanna a morte.
Tra le ore che precedono la morte di Socrate per ingiunzione della città, così come sono raccontate da Platone nel Fedone, e l’ora in cui lo studente Vitaliano Caccia massacra a colpi di pistola l’intera commissione di maturità lasciando in vita il solo insegnante di storia e filosofia, così come è dipinta con lucida ferocia nel romanzo di Antonio Scurati, si consuma tutta la battaglia, una vera e propria Gigantomachia, al pensiero occidentale dalle sue origini ai suoi inevitabili e tragici esiti storici. Ma non solo, si rinnovano infatti anche due eterni interrogativi: la domanda di senso, ingombrante punto di domanda rivolto al maestro, e la questione stessa della posizione del maestro rispetto al sapere e ai discepoli.

Info

Dove: Teatro Sociale, piazza Verdi - Como

Maggiori informazioni

Orari

Ore 20.30

indietro